Sugli alberi, prima che perdano le foglie: i parchi avventura

09/10/2018

Sta per arrivare l’autunno. Prima della fine di ottobre, chiunque (a partire dai tre anni) sia appassionato di natura e avventura può arrampicarsi sugli alberi, dondolarsi tra un tronco e l’altro, immaginarsi alla scoperta della foresta amazzonica. L’ideale per chi ama le esperienze adrenaliniche, ma anche per chi, come si legge nella documentazione relativa a questi parchi, vuole vincere qualche paura e mettersi alla prova, in tutta sicurezza, cioè equipaggiato con casco, imbragatura e innovativi moschettoni. 
A una o due ore da Milano se ne trovano diversi. 
A pochi chilometri da Bergamo ce ne sono due. Il “veterano”, aperto da 10 anni, si trova a Roncola, un grazioso paese a 900 m, in Valle Imagna. 
Il faggeto è attrezzato per piccoli e grandi esploratori. Ognuno segue i suoi percorsi: tre per i “pulcini”, quattro per chi è alto da un metro e dieci a un metro e quaranta, due per chi supera il metro e quaranta.
Si inizia con un “percorso prova”, poi si sale in autonomia, e si procede tra passerelle di legno, ponti tibetani e tronchi sospesi, sotto gli occhi vigili dei preparatissimi ragazzi dello staff, sempre pronti a intervenire nel caso qualcuno rimanesse sospeso in aria a metà strada tra un albero e un altro o qualcun altro avesse bisogno di un incoraggiamento, provvidenziale quando dall’alto, sotto un minuscolo casco, risuona una timida e sincera ammissione di paura: “Io non so fare quello che sanno fare gli altri bambini!”.
È un’esperienza da condividere, in famiglia, con gli amici, in gruppo, che può essere scelta per festeggiare un compleanno, un addio al nubilato/celibato o anche… per un team building aziendale (in questo caso, per la riuscita dell’impresa non bisogna pensare ai cosiddetti “outdoor training” subìti dal ragionier Ugo Fantozzi!). Meglio, comunque, vivere la giornata senza secondi fini, con i propri tempi, giusto per divertirsi e muoversi nella natura.
Roncola offre, tra l’altro, diverse passeggiate. Vale la pena anche entrare nella parrocchia di San Bernardo, che custodisce un bel polittico di Giovan Battista Moroni, del 1561. 
Da un paio di mesi è aperto un altro parco, collegato al primo, a dieci minuti da Bergamo: Torre Boldone.
È un parco più “cittadino”, anche se ha percorsi sia naturali, tra gli alberi, sia artificiali (alte strutture collegate da scale e passaggi sospesi). Offre due percorsi per i “pulcini”, quattro per “junior” e tre per adulti. 
C’è la fontana a spruzzi, che piacerà ai più piccoli, e la “Top Tower”, una sorta di impressionante trampolino di venti metri per il bungee jumping e il lancio su un immenso “airbag” da tre piattaforme di quattro, sette e dieci metri di altezza.
Per provare a librarsi tra gli alberi c’è ancora tempo in questi scampoli di estate, fino alla fine di ottobre. Poi, gli stessi alberi si coloreranno e perderanno le foglie. 
C’è un tempo per ogni cosa. E quello sarà il tempo per chi si sente più contemplativo.

Erica Zane

Info
Parco avventura di Roncola
A4 Milano-Bergamo uscita Dalmine seguire per Almenno San Bartolomeo e Roncola
Via Canale 19
Tel. 035.640.070
Parco avventura di Torre Boldone
Bergamo seguire per Valle Seriana fino a Torre Boldone
Via Ugo Foscolo
Tel. 340.53.72.297
http://www.parchiavventurabergamo.it

Top