Ritrovarsi insieme… per la donazione

08/05/2018

La società globalizzata in cui viviamo ci ha abituati a vivere, soprattutto nelle grandi città, in mezzo a persone provenienti da ogni parte del mondo, fra le quali però spesso ci sentiamo ‘perfetti sconosciuti’.
La solitudine crescente spinge molti a rifugiarsi in un mondo virtuale. Ciò è particolarmente vero per giovani e giovanissimi che crescono fragili, spesso iperprotetti dalla famiglia e impreparati ad affrontare le difficoltà della vita reale, con il risultato che alle prime difficoltà entrano in una crisi profonda. In tutta la società aumenta inoltre il senso di precarietà e insicurezza che sono spesso la fonte di nevrosi e psicosi anche gravi.
L’unico modo per difendersi da tutto ciò è dare un senso alla propria esistenza riscoprendo ad esempio il valore di sentimenti come l’amicizia, la solidarietà, il civismo ossia il desiderio di contribuire a risolvere i problemi della collettività, soprattutto della sua parte più fragile.
Che questi valori abbiano ancora un senso lo dimostrano le centinaia di persone che ogni giorno varcano la soglia del Centro Trasfusionale. La donazione di sangue diventa così un importante momento di partecipazione e di aggregazione. Mi preme qui ricordare i molti studenti che ogni anno, nell’ambito del progetto scuole della nostra Associazione, e sotto la guida dei loro professori, decidono di iniziare a donare il loro sangue. Nel corso dell’anno scolastico 2016-2017 sono stati 772 gli studenti ‘aspiranti’ donatori e 564 quelli che sono diventati donatori di sangue. E questa esperienza positiva continua per molti di loro anche in seguito, al punto che alcuni gruppi di ex alunni di scuola media superiore, ora all’Università, si danno appuntamento per ritrovarsi e insieme donare il sangue, come testimonia la foto che pubblichiamo nell’articolo della nostra Lisa Giupponi, responsabile e ‘anima’ del progetto scuole.
Ma non solo studenti. Anche la comunità filippina ha dimostrato di condividere questi valori e ha dato vita a un gruppo numeroso di donatori della nostra Associazione: i Filipino Blood Donors of Milan. Si tratta di un gruppo assai vivace e molto motivato all’interno del quale è sorto di recente il gruppo sportivo Donatori di Sangue Atletica, aperto a tutti i donatori, che il 25 marzo ha partecipato con successo alla Stramilano, come ricorda Marius Badea nel suo articolo. Chissà se i nostri atleti decideranno anche di percorrere gli itinerari nei parchi lombardi suggeriti da Erica Zane? Sarebbe un’occasione imperdibile per trascorrere insieme delle giornate all’aria aperta e scoprire alcuni degli angoli più belli della Lombardia.
Infine Alessia Pedicini, studentessa della Bocconi, commenta i risultati della ‘Customer Satisfaction Analysis’ realizzata dall’Associazione per conoscere il parere dei donatori sulla gestione della donazione, così da individuare le criticità e raccogliere suggerimenti e proposte di miglioramento. Sull’argomento anche il parere del primario dottor Daniele Prati.
 
Anna Parravicini
Direttore Scientifico

Top