Cibo genuino, buono e a buon mercato

02/12/2019

La voglia di mangiare bene e sano e la necessità di risparmiare non sembrano spesso compatibili, ma, come suggeriscono persone che sanno fare di necessità virtù, i modi ci sono, soprattutto a Milano.
I mercati di quartiere resistono. Si tratta di trovare il banco che fa al caso nostro, e al mercato è facile. Si possono confrontare prezzi e prodotti, farsi una prima idea anche guardando l’afflusso dei clienti, controllare e indirizzare il venditore mentre ci mette frutta e verdura nel sacchetto.
La varietà di proposte e regioni di provenienza è amplissima, e il bello è che si può vedere ogni singolo prodotto. Rispetto alla spesa fatta al supermercato si ha senz’altro l’impressione di essere in un contesto che ha una sua tipicità, dove è anche bello passeggiare per osservare colori, persone, ascoltare contrattazioni e respirare profumi diversi, tra banchi di sott’oli, mieli, uova, pasta, salumi, focacce e pane pugliese, pistacchi, spezie, peperoncini, polli, pesce, provola silana, pecorino romano… In genere, si ‘perde più tempo’ al mercato che al supermercato, perché è un luogo di incontri, dove si vive ancora la vita del quartiere. L’urgenza non si addice alla spesa qui. Se si ha fretta, meglio il supermercato, da attraversare velocemente muniti anche di lettore di codice a barre per guadagnare altro tempo.
Ecco sei mercati rionali di Milano in cui vale la pena fare un giro per acquisti alimentari e non solo.
Viale Papiniano (zona Sant’Agostino-San Vittore). Martedì fino alle 14, sabato fino alle 18.
Via Fauché (zona Sempione-Bullona). Martedì fino alle 14, sabato fino alle 18.
Piazzale Martini (zona Viale Molise-Viale Umbria). Mercoledì fino alle 14.
Via Crema-Piacenza (zona Porta Romana). Venerdì fino alle 14.

Questa è la zona che si anima particolarmente per la festa del Tredesìn de Marz, il fine settimana di marzo che annuncia la primavera con il mercato dei fiori, e ricorda una leggenda legata a San Barnaba. Si narra che il 13 marzo del ‘51 San Barnaba avrebbe innalzato la croce sopra una pietra rotonda, che sarebbe diventata nota come la “pietra del Tredesìn de Marz” e oggi si trova nel pavimento della chiesa di Santa Maria al Paradiso, in corso di Porta Vigentina. Emilio De Marchi scriveva con affetto della ricorrenza: “E quii giornad del tredesin de Marz? Gh’era la fera, longa longhera, giò fina al dazi, coi banchitt de vioeurr, de gerani, coi primm roeus, e tra el guardà, l’usmà, el toccà, se vegneva via col coeur come on giardin…”
Via Osoppo (zona Piazzale Brescia). Giovedì fino alle 14, sabato fino alle 18.
Via Tabacchi (zona Bocconi/Naviglio Pavese). Sabato fino alle 18.
Alla ricerca di prodotti genuini, un po’ sulla scia di una tendenza globale, un po’ perché coltiviamo il sincero desiderio di ritornare alla natura e ai suoi gusti,siamo comunque attratti dalle fattorie e dalle cascine.
Molte si sono aperte a visitatori diversi: i bambini, per cui la fattoria didattica è una piacevole destinazione di gita scolastica; le famiglie e i gruppi di amici, che volentieri si incontrano nelle cascine che propongono gustosi menu, magari in occasione delle succulente rassegne gastronomiche, come quella del Lodigiano (termina il 1° dicembre).
Diverse cascine mettono in vendita i loro prodotti alimentari. Solo due esempi: uno, paradossalmente, quasi in centro, e l’altro a pochi chilometri a nord di Milano.
La Cascina Cuccagna è un luogo particolare. Risalente al XVII secolo, è perfettamente inserita nel contesto urbano, cui offre però la sua unicità. Il suo mercato agricolo si tiene il martedì dalle 15.30 alle 20. È un “mercato agricolo a filiera corta, dove acquistare direttamente dai produttori prodotti freschi, di stagione, biologici con garanzia di qualità al giusto prezzo”.
In Cascina Cuccagna si può assistere a incontri culturali, come quelli di BookCity Milano, o vedere i film proposti dal Gruppo Cinema Teatro In Cascina. Vi si tengono corsi di yoga, teatro per bambini e adulti. C’è un bar e un ristorante, una “ciclofficina”, una fioreria, una scuola di cucina, un’agenzia viaggi.
La fattoria “alle porte di Milano” è L’Agricola, a Lainate. Ha un grande negozio, dagli ottimi prodotti (carni, salumi, latticini e molto altro), una caffetteria-pasticceria-gelateria, una hamburgheria e un ristorante, ma, soprattutto, gli animali (capre, mucche, pecore, asini, oche, tacchini, anatre, galline). Si può assistere alla mungitura e il latte prodotto viene poi lavorato nel caseificio, che ha partecipato alla fiera mondiale del formaggio e a competizioni internazionali. Il loro “cremoso di capra” e “blu di capra” sono stati premiati agli International Cheese Awards nel 2017.

Erica Zane

Info
Rassegna gastronomica del Lodigiano
http://rassegnagastronomica.it
Cascina Cuccagna
Via Cuccagna 2/4 (ang. Via Muratori)
Tel. 02.83421007
www.cuccagna.org
L’Agricola
Via Rho 90, Lainate
Tel. 02.9372889
www.l-agricola.com

Top